Tuesday, January 30, 2007

Leicester & Ross-on-Wye

Ebbene si, di nuovo in UK. Stavolta per un'occasione familiare: la graduation di mia sorella. Aereo da Orio al Serio, ovviamente Ryanair e atterraggio a Luton attorno a mezzanotte ora locale. Ritiriamo la macchina che avevamo noleggiato alla Hertz, una Fiat Punto rossa, e mio fratello, con me navigatore, si mette a guidare per le 65 miglia di strada che ci separano da Leicester. Che sensazione strana stare seduto a sinistra e non avere un volante davanti! Welcome song: Razorback "America". Eccoci quindi prendere la M1. Direzione? Un epicissimo cartello recita "The North"! In un'oretta e mezza arriviamo a Leicester, parcheggiamo e, sconvolti, ci abbiocchiamo nel flat di mia sorella.
Il giorno dopo soffriamo tutti e tre (io, mio fratello Stiv e l'altra sorella) del poco sonno, ma bisogna tirarsi su e andare alla University of Leicester per la graduation. Tutto come in un film: toga e tocco. La cerimonia è assurda, veramente assurda: vedere tutti questi accademici ultradecorati (un paio di MBE (Member of the British Empire), OBE (Officer of the British Empire) e persino un Sir CBE (Commander of the British Empire) FRS (Fellow of the Royal Society), vale a dire il chancellor (rettore) Sir Peter Richards CBE FRS) che entrano al suono di Gaudeamus Igitur di Bach e prendono il loro posto, e poi centinaia di alunni che passano e stringono la mano...insomma, fa il suo effetto. Prima rimani a bocca aperta perchè sei sbalordito. Poi, quando tua sorella è passata e con lei 30-40 studenti, rimani a bocca aperta perchè sbadigli. Che sacre palle!
Fortunatamente la cerimonia dopo un po', incredibile, finisce: tempo di festeggiamenti. Il Lansdowne Pub è pieno, allora andiamo al Wellington, dove mi sparo una pintazza di Guinness alla salute della sorella e un panino BLT: Bacon, Lettuce and Tomato. Praticamente una delle tante schifezze che mi fanno apprezzare il Regno Unito. Disfatti dalla giornata, dalla botta allo stomaco, dal sonno, ce ne torniamo a casa e dormiamo abbondantemente. La sera vogliamo uscire, ma il tutto si traduce in una capatina in un chipper dove mi sparo un hamburger al pollo con patatine, accompagnato da una bottiglia di IRN-BRU.
Il giorno dopo è il giorno della gitarella a Ross-on-Wye, a sole dieci miglia dal Galles. Ci passiamo diverse M (M6, M5, M69, M42, M50 - in ordine sparso) e arriviamo in questo paesino, a pochissima distanza dal South Wales, dove troviamo amici di famiglia. Ann e Terry e la loro figlia Jenny. Giornata piacevole, condita da un vino che non ricordo come si chiama e da una camminata per un posticino veramente molto inglese. Unico difetto: il paese è reduce da un'alluvione avvenuta la settimana precedente, e vicino al fiume Wye se ne vedono le conseguenze.
La sera si va a cenare da Shimla Pink, ristorante indiano ben fornito camerieramente parlando. Scolandomi una Cobra (birra chiara indiana, niente di che, avrei preferito una pinta di Strongbow) mi sparo un Chicken Korma, pollo immerso in una salsa a base di anacardi. E tanto garlic bread. A fine serata sono distrutto. Il mio fegato implora pietà. A dopo le più marce conseguenze.
Dopo una notte marcia, passata a scoreggiare indecentemente nel sacco a pelo, è tempo di packing. Qualche compera (un negozio Lonsdale con prezzi stracciati: ho preso due felpe e una polo e quello che ho pagato di più l'ho pagato 8 sterle! - il negozio Cotton Traders dei Leicester Tigers dove ho preso una scicchettosissima borsa portascarpe firmata Leicester Tigers appunto) e un tè con mia sorella, suo marito Brian e il loro amico giapponese Kentaro, e siamo di nuovo sulla M1. Stavolta la direzione, ovviamente, è "The South". Consegnamo la macchina dopo aver fatto un pieno di benzina, check in, un sandwich per mangiare qualcosa. Mi chiudo in bagno. Chicken Korma non perdona. Mai. Temo di aver intasato il cesso dell'areoporto di Luton e così di aver scatenato un allarme terrorismo internazionale. Ripeto: Chicken Korma non perdona. Mai.
Il volo è tutto ok, a parte il solito confermare la tendenza degli italiani a dare il peggio di sè nei voli di ritorno in patria. E poi due kebab a Bergamo tirano su il morale. E danno il colpo di grazia al mio povero fegato. Liverpoor.

12 comments:

barbara said...

haha! bello "liverpoor" ^_^

..........la borsa del leicester....................

é_è

Cane said...

"insomma, fa il suo effetto. Prima rimani a bocca aperta perchè sei sbalordito. Poi, quando tua sorella è passata e con lei 30-40 studenti, rimani a bocca aperta perchè sbadigli. Che sacre palle!"


AHAHAH!!!!!

nimue said...

Si ma non hai spiegato il perché del "a parte quel piccolo inconveniente a Luton che per fortuna la polizia areoportuale non ha notato in tempo"!

Billie MacGowan said...

rileggi il post, asina:
"Mi chiudo in bagno. Chicken Korma non perdona. Mai. Temo di aver intasato il cesso dell'areoporto di Luton e così di aver scatenato un allarme terrorismo internazionale. Ripeto: Chicken Korma non perdona. Mai."

nimue said...

Ripeto, non l'hai ancora spiegato.
Questa scena l'ho vista millemila volte in università, e Comelico non è ancora esplosa.

Impegnati di più :P

barbara said...

essì billie, nimue mica ha tutti i torti

su

colpa tua che ormai ci hai abituato raggiungendo livelli che per i normali esseri umani rasentano l'inimmaginabile

insomma,non fai più notizia
;-)

un fan deluso said...

l'irn bru fa schifo!
lo vedevo sempre in mano ai ragazzi con facce sconvolte la domenica mattina, così ho avuto la pessima idea di assaggiarlo, nella convinzione che fosse un beverone utile al ripiglio...invece è pessimo.
e distrugge la tua reputazione.
senza contare il fatto che hai bevuto, in due giorni:
una (una? ma non sai che vanno sempre bevute a mezze dozzine????) pinta di guinness,
una cobra (di cui non conoscevo l'esistenza, e non avresti dovuto nemmeno tu),
una bottiglia di irn bru,
una tazza di tè.

credo non servano commenti.

Billie MacGowan said...

l'irn bru lo so che fa schifo, ma ho voluto berla in quanto bevanda nazionale scozzese (assieme alla Red Kola, non ho ancora però avuto la sfortuna).

per quanto riguarda la Guinness, hai ragione, ma il sonno aveva già preso la meglio su di me.

per quanto riguarda la Cobra, io volevo prendere il sidro Strongbow, ma il marito statunitense di mia sorella ha insistito per farmi prendere e provare la Cobra (che è 'na schifezza).

ho bevuto anche del vino, non ricordo che vino.

comunque. il fatto è che sono andato con i miei fratelli. mi mette in soggezione bere in loro presenza, poi rompono!

Billie MacGowan said...

(eppoi, un allerta terroristico ancora non l'avevo causato, ecco!)

sempre lo stesso fan deluso said...

ed io che pensavo che la bevanda nazionale scozzese fosse il whisky..mah, come cambiano i tempi!
mi inchino di fronte alla saggezza dell'emmessee che beve vino albionico!
..in quanto al bere in presenza di fratelli, non so che dirti. a me non è mai successo di essere in soggezione. ma stasera vado a milano a cena per il compleanno di mia sorella e cercherò di vincere l'imbarazzo arrivando già ubriaco.

Billie MacGowan said...

Caro Fan.
Ovviamente mi riferivo al fatto che whisky e birre non vadano considerate bevande nazionali, ma beni dell'umanità, al pari del sidro e della Spuma 38. Effettivamente non volevo intendere che fosse LA bevanda nazionale, ma una delle bevande nazionali: rappresenta in un qual modo l'identità scozzese...solo il popolo scozzese ha il coraggio di produrre e consumare un intruglio del genere.
Per quanto riguarda il vino, trattavasi di vino francese: gli inglesi notoriamente non sono grandi produttori di vino. Capisco altresì che quel minimo di cuore italiano che dovrei avere avrebbe dovuto farmi storcere il naso di fronte alla prospettiva di bere il prodotto delle odiate viti d'Oltralpe. Ma d'altronde si era ospiti a pranzo, ed era l'unica prospettiva di bere qualcosa di alcoolico che mi si presentava, e ho deciso di coglierla al volo.
L'età dei fratelli può essere un fattore determinante. Diciamo che mi sentivo un po' "guardato", come fossero quasi dei genitori, e non mi sarei sentito a mio agio nella situazione di gran bevitore (reputazione che, ammetto, non sto coltivando quanto dovrei ultimamente).
Spero di riuscire a dimostrare presto la mia onestà e il mio etilismo, così da fugare i dubbi di tutti i miei ammiratori.
Con sincero affetto,
Sir Billie MacGowan MSE

Lorenzo said...

Uahuahua, spassoso!