Wednesday, February 21, 2007

The 23rd Man

ATRC - Velate 17-29

Dunque. Cerchiamo di rimetterci in pari. Non mi sto soddisfacendo nella gestione di codesto bloggo. Forse sarà perchè ho la testa altrove, impegnata in altre mille cose. Vabbè. Intanto, shame of Foca, che non ha rapito una scozzese per me.

Venerdì mi sono allenato, come al solito, ed è arrivato l'annuncio dal coach: "Billie, tieni pronta la borsa, sei il 23° uomo!". Spiegazione: i convocati (la tastiera mi dava noie, voleva farmi scrivere voncovati) sono 22, ovvero i 15 uomini in campo + 7 riserve ammessi dal regolamento. Il 23° uomo è il primo dei non convocati, ovvero quello che in caso qualcuno si faccia male o non si presenti, viene allertato per primo e convocato al suo posto. Gli infortuni/assenze sono stati ben due, quindi io e Enzo siamo stati convocati entrambi per il match. Enzo ha giocato titolare, una gran bella partita. Io sono stato in panchina per la seconda volta su due convocazioni da inizio stagione. Cose che capitano. Una bella partita: l'avversario era Velate, la temibile capolista che, sul 17-0 per noi, si è cagata sotto e ha iniziato a menare le mani. Ha vinto 29-17 alla fine, mandando fuori il nostro capitano con un occhio gonfio come un limone e bisognoso di punti. Una signora nel pubblico gli fa: "Quest'arbitro è proprio una vergogna, così vi fate male. In quanti siete usciti per delle botte inutili?". Io, prontamente, le rispondo: "Si, signora, ma lui se le meritava". Note: la fasciatura per proteggere l'orecchio (ebbene si, sta iniziando il lento ma inesorabile processo di degenerazione chiamato incavolfiorimento) che ho provato era troppo stretta. Che mal di testa!
Pel resto, oggi seconda guida. La mia mira da cecchino serbocroato mi ha portato a chiamare fuori una bambina araba al primo anno di Italia che non conosceva la lingua. Mi sento sempre più negato per lavorare a contatto con bambini e ragazzi. Effettivamente il mio piano di guadagnarmi da vivere con il Lego si sta rivelando estremamente più difficile di quanto pensassi. Spero passi presto. Aiuto!
Lunedì ho firmato il contratto al Museo, comunque. Ho venduto loro la mia anima a progetto in cambio di 14 euro (€ 14,00) lordi orari. 20 (€20,00) in caso di guida in inglese. Fate di me quel che volete.
Ultimo: che figo il Pogue Mahone di via Salmini a Milano. Come ho potuto non esserci mai andato finora? Ultimissimo (come mia madre quando voleva farmi mangiare la minestra da piccolo): ho preso una multa di 36 euro (€ 36,00). Porco il clerobbastardo.

9 comments:

Duck Cognat said...

non prendertela billie, sono cose che capitano. Anzi, a te sono cose che vicecapitano. (har har)

PS: a me mia mamma quando mi ingozzava a forza di minestrina con il formaggino mi diceva "un altro e poi basta!". Naturlamente me lo diceva per una ventina di cucchiaiate di fila :0)

Billie MacGowan said...

mia mamma invece sconvolse il mondo dei numeri ordinali aggiungendo dopo "ultimo" "ultimissimo" "ultimissimissimo" "ultimissimissimissimo" e via andare.

Billie MacGowan said...

il che tra l'altro spiega le mie difficoltà in matematica al liceo

sempre duck cognat said...

:D

musicomane said...

E con la multa 3 ore di lavoro sono andate. Figata, no?


Musico.

barbara said...

non lamentarti..c'è chi ne prende 4,5 euri all'ora e vive con un francese peloso..

;-)

sai che ho fatto carriera (nell'ivrea?): ieri sera apertura.
temo invece che venerdì con il valle inizierò il mio allenamento da tallonatrice
(sob)
sono più alta dei piloni, non è giusto!

Billie MacGowan said...

secondo me ti verrà una doppia identità e inizierai a giocare per entrambe le squadre. mischiaiola ignorante nel valle e mercuriale trequarti nell'ivrea.
quanto ai piloni, evidentemente il tuo coach predilige la prima linea A SCALENO (cit. Runco).
già. tre ore di lavoro. chissà se avrò abbastanza a fine mese per comprarmi una bottiglia di Sheridan.

barbara said...

guarda se ti può consolare questa è la settimana delle offerte carrefour: con mezza giornata di lavoro puoi comprarti una bottiglia di Bicerin (che è già una buonerrima cosa)

dai, diventa massaia anche tu! consulta assieme a me le offerte delle catene dei supermercati!
;-)

Anonymous said...

mia madre se facevo i capricci il piatto me lo rovesciava in testa..ora capisco molte cose...
Comunque il Pogue è veramente un signor pub,ma ti consiglio anche lo Scotsman Pub a Varese,se non ci sei mai andato.
Last but not least..sto ascoltando a nastro Delilah dei Pressure Drop..ho da preoccuparmi???
Jody