Monday, February 26, 2007

Rumeni insanguinati e terzi tempi


Venerdì mi son dimenticato di accennare al particolare episodio che mi è capitato mentre stavo seduto su una panchina in Stazione Cadorna ad aspettare il mio trenino. Beh, è arrivato sto tizio, dal forte accento rumeno, con un taglio sulla testa, ricucito ma non ancora cicatrizzato, e con la giacca abbondantemente sporca di sangue. Si è seduto a fianco a me e mi ha chiesto l'ora. Damn, che incontri!
Per il resto. Domenica Tradate ha fatto una partita di merda. 15-0 per noi alla fine del primo tempo, 16-15 per loro, che sorpassano a pochi minuti dalla fine, il risultato finale. Il terzo tempo se non altro è stato bello per tirar su il morale. L'ASR Milano si è dimostrata piuttosto simpatica ed è partita una bella chiaccherata. Sono queste le cose che fanno questo sport grande.

Io domenica non ero convocato. Ho preso il freddo prendendo statistiche, dopo aver fatto una partitella d'allenamento con le ragazze. Partitella durante la quale ho inventato l'autostamping. Mi son tirato una tacchettata da solo. Evidentemente ero in fuorigioco e volevo punirmi. In apertura di pagina, il bellissimo risultato del mio autostamping. Peccato non essermelo restituito.
Oggi tutta la gente che incontravo mi diceva: "Grande vittoria a Edinburgo! Bella partita! Congratulazioni!". Mi faceva sentire un po' strano, devo ammetterlo.
Ultimo interrogativo della giornata. Sarò capace di essere "vigoroso e aspro, caustico e tagliente, ma anche muscolare"? Ai posteri l'ardua sentenza.

2 comments:

nimue said...

Devo ancora capacitarmi di come tu possa esserti fatto simile morello da solo...
Certo che sei incredibile quando ti ci metti, ehn?

barbara said...

sai che anche da lunedì a lavoro la prima cosa che mi dicevano era "ho visto l'italia sabato!grandi!" oppure "ho snetito che l'italia ha vinto!", tutti con un sorrisino complice..

-etcì!-