Monday, January 14, 2008

Scots'n'roll

Viadanese weekend, in occasione dell'ultima partita di Heineken della squadra lombarda. Disceso assieme a quattro altri malati (grazie per "Mickybo & Me", Al, lo guarderò al più presto!) allo Zaffanella, mi son goduto una bella partita con i Glasgow Warriors (finita, per onor di cronaca, 18-15 per i Glaswegians). Probabilmente tutto quel Prosecco di Valdobbiadene che è scorso a litri nella nostra sede il venerdì sera era ancora in circolo, tra l'altro. La serata è stata molto carina, in quel di Parma, grazie all'ospitalità di Kao e ai suoi contatti con lo staff degli Warriors. Più che una serata è stato un corso di aggiornamento sulle abitudini degli scozzesi ubriachi. Tipo attaccarsi banconote sulla fronte usando birra o saliva. E poi scambiarsele fronte a fronte. O baciare simboli della Scozia su maglie altrui. O declamare "Mag-nificò albéro dinattale" di fronte all'abete rosso che sta in una piazza parmigiana. O inneggiare al Gloucester ("Glooos-taah! Glooos-taah!") al passaggio degli inglesi del Bath, ultrarivali appunto del Glos. Fortunatamente tra le tante varianti e new entry, una cosa rimane di moda: offrire da bere! Una domanda mi è sorta. Perchè ogni volta che ho a che fare con dei Glaswegians ne trovo sempre uno che si è visto i Clash ad Aberdeen? Lucky bastard.

3 comments:

alienA said...

"and if you want a linguistic adventure go drinking with the Scotsmen...'cause you can't fucking understand them before!" (cit.)

:P

Anonymous said...

tutti hanno visto i clash ad aberdeen..è risaputo!
Saluti
JoeDee

Maxam said...

Bella storia!
:D